Festa degli Innamorati

image_pdfimage_print

– San Valentino nacque probabilmente a Roma, si ignora l’anno, dove operò per tutta la vita e morì nel 269. Fu medico e sacerdote; venne martirizzato sotto l’impero di Claudio il Goto. Il suo corpo è sepolto sulla via Flaminia, dove dal 350 esiste una chiesa che ne porta il nome.
L’usanza degli innamorati di scambiarsi dei doni per San Valentino, deriva da una credenza medioevale secondo la quale gli uccelli davano inizio alla stagione degli amori proprio in quel giorno.
Dal 1969 il suo culto è stato ristretto ai soli calendari locali. Nello stesso giorno si festeggia un altro San Valentino, vescovo di Terni anch’egli martirizzato sotto Claudio. Secondo alcuni storici i due sarebbero la stessa persona.

CANZONE DI GINO PAOLI

Il cielo in una stanza

Quando sei qui con me
questa stanza non ha più pareti
ma alberi, alberi infiniti
quando sei qui vicina a me
questo soffitto viola no, non esiste più
io vedo il cielo sopra a noi
che restiamo qui
abbandonati
come se non ci fosse più
niente al mondo
suona un’armonica
mi sembra un organo
che vibra per te per me
su nell’immensità del cielo
per te per me
per te per me
nel cielo.

CANZONE DI LUIGI TENCO

Lontano, lontano

E lontano, lontano nel tempo
qualche cosa negli occhi di un altro
ti farà ripensare ai miei occhi
a quegli occhi che ti amavano tanto.
E lontano, lontano nel mondo,
un sorriso sulle labbra di un altro,
troverai quella mia timidezza
per cui tu mi prendevi un po’ in giro.
E lontano, lontano nel tempo
l’espressione di un volto per caso
ti farà ripensare al mio volto,
l’aria triste che tu amavi tanto.
E lontano, lontano nel mondo
una sera sarai con un altro
e ad un tratto chissà come e perché
ti troverai a parlargli di me,
di un amore ormai troppo lontano.

CANZONE DI BRUNO LAUZI

Ti ruberò

Ti ruberò a tutti quelli che
ti tengono lontana da me.
Ti porterò con la mia nave
verso terre sconosciute per te.
Conoscerai la libertà di amare
che non ti hanno dato mai.
Ti ruberò, vedrai ci riuscirò,
amore mio, se tu lo vuoi.
Ti ruberò a tutti quelli che
non sanno più sognare come noi.
Ti porterò in una casa
costruita solamente per noi.
Ti insegnerò ad essere felice
come non sei stata mai.
Ti ruberò, vedrai ci riuscirò,
amore mio, se tu lo vuoi,
se tu lo vuoi.

POESIA di Alvaro Mutis

Le donne…

Le donne non mentono mai.
Dalle pieghe più intime del loro corpo
scaturisce sempre la verità.
Capita che ci sia concesso di decifrarla
con una fatale lentezza.
Molti non ci riescono mai
e muoiono nel vicolo cieco dei loro sensi.

POESIA di Sandro Penna

Forse…

Forse la giovinezza è solo questo perenne amare i sensi e non pentirsi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

SEGNALA




Privacy*

FACEBOOK

TWITTER

La Piazza della provincia di Rimini. Redazione : Piazza Gramsci, 34 - 47843 Misano Adriatico | p.iva 02540310402 | Direttore Responsabile: Giovanni Cioria
© 2014 Tutti i Diritti Riservati | mappa del sito
Web Marketing Rimini
Condivisioni