SAPORI E COLORI DEL NOSTRO DIALETTO di A.F.

image_pdfimage_print

– Ai créd che tz’éra strach, t’zé tutt al dé in gir cume un chèn brach (cane da caccia) (2)
– Im dis ca so un sgumbron (mangione), ca facc piaza pulida ad tutt ni co. Mé a degh che l’è la fèma in aretrat da quand a s’éra burdèl (3)
– Avimie ‘na miseria cla s’tajèva sal curtell, an avimie tènt quant u j n’éra d’arcoj sal trén. Quand la mi ma l’armidieva pulenta e farena ad grèn, a mizdé l’éra du barafocc armést e un pèzz ad pèn (4)
– Perché al mi marid al va léss! Us ‘na pri mèl (si offende) se mé ai dagh dal sgulvanéd (mangiare con voracità). Ier l’ha fatt fora una tiréna (terrina) ad tajadlott chi bastèva ma un regimént. E pu tl’ultme ad cal brod l’ha fatt la zupa sal pèn (5)
– Setembre uva fata e i figh i pende (6)
– O fiol d’un campanil (biricchino), chi t’ha insgné a dì sti buàrie? (parolacce) (7)
– Chi è stè cla birichina che la t’ha lighè al bligh dla pènza? (cordone ombelicale) (8)
– A crideva d’avé zpgnè (risolto) ‘na bèla togna (bega-problema), invece a sin in alto mare come prima (9)
– Gira, mésta e bréla (gira e rigira), a sin sempre da capo; i ché fè o zfè (disfare) l’è tutt un lavurè (10)
– T’è santù che raza ad ton (tuono)? L’è al dievle che l’ha butt giù pli schelie da ruglun la su moj perché l’an gni aveva fatt i macarun (11)
– Sta stofa la si ztira e la si slonga cume la pènza dla Begonda (12)

– (1) Sei stato bravo e venire ieri sera! – Stai zitto, ero stanco morto. Mi sono buttato sul letto e mi sono addormentato come una pera cotta. Quando mi sono svegliato avevo ancora le scarpe ai piedi.
– (2) Ci credo che eri stanco, sei tutto il giorno in giro come un cane da caccia.
– (3) Mi dicono che sono un mangione, che faccio piazza pulita di tutto. Io dico che è la fame arretrata da quando ero un bambino
– (4) Avevamo una miseria che si tagliava col coltello, ne avevamo tanto quanto ce n’era da raccogliere in terra. Quando mia mamma rimediava polenta e farina di grano, a mezzogiorno era una pasta (fatta con acqua e le due farine senza uova) e un pezzo di pane
– (5) Perché mio marito va liscio! Si offende se gli dico che mangia con voracità. Ieri si è fatto fuori una terrina di tagliolini in brodo che bastavano ad un reggimento. E poi in ultimo in quel brodo ha fatto la zuppa col pane
– (6) Settembre uva fatta e i fichi sono maturi
– (7) Biricchino, chi ti ha insegnato a dire queste parolacce?
– (8) Chi è quella levatrice che ti ha legato il cordone ombelicale?
– (9) Credevo di avere risolto un bel problema, invece siamo in alto mare come prima
– (10) Gira e rigira, siamo sempre da capo; qui fare o disfare è tutto un lavoro
– (11) Hai sentito che razza di tuono? E’ il diavolo che ha buttato giù a ruzzoloni per le scale sua moglie perché non gli aveva fatto i maccheroni
– (12) Questa stoffa si stira e si allunga come la pancia della Begonda

© RIPRODUZIONE RISERVATA

SEGNALA




Privacy*

FACEBOOK

TWITTER

La Piazza della provincia di Rimini. Redazione : Piazza Gramsci, 34 - 47843 Misano Adriatico | p.iva 02540310402 | Direttore Responsabile: Giovanni Cioria
© 2014 Tutti i Diritti Riservati | mappa del sito
Web Marketing Rimini
Condivisioni