SAPORI E COLORI DEL NOSTRO DIALETTO di A.F.

image_pdfimage_print

– La Pifania tutt li fest li porta via (2)
– Da Nadel a la Pasquèla (Epifania) li si slonga un pass ad vidèla (3)
– Da la Pasquèla a Sant’Antonie (17 gennaio) li si slonga mezorie bonie (4)
– Da Sant’Antonie in là li si slonga c’an sni dà (sempre di più) (5)
– J’urleva come i spacazot (chiassosi). Cus-ch-j-aveva fatt? Anca tu… l’è ‘na gubia ad matt che i lé accidenti lo meglio (6)
– Um dà scador (prurito) al nès: o l’è un pugn o l’è un bès (7)
– A j’ho dè la sfùita (spaventare) cume ma un chen. T’avev da veda… l’andeva cal plèva sli gamb mal cul (8)
– Al sènt c’un sa féd e an t’al prégh, l’è quèl c’ut fa la grezia (9)
– An tè fnì da sbarbutlè (brontolare)? T’mi pèr al mèr quand al ragaja (borbogliare) (10)
– Al sarà brut i dèbte? Ma lù l’è anche pegg. L’è al dièvle a forma ad cioca (chioccia) (11)
– Da quand i j’ha tolt al che fè (comando) u s’è invilì. L’è cume un’erba tajèda (12)
– Cal burdèl l’è sfrignèd dur (molto vivace), am so bèla sdriné (sfiancato) pri stei dré (13)
– La sarà anche ruza cume un scarpégn, però l’ha anche una bèla pussion dal suv (14)
– Mèt al pret tal let che la brèsa pla sora la è già fata (15)

– (1) Il cappone è buono anche dopo Natale e l’uovo anche dopo Pasqua (le cose buone vanno sempre bene)
– (2) L’Epifania tutte le feste si porta via
– (3) Da Natale all’Epifania le giornate si allungano come un passo di vitello (di poco)
– (4) Dall’Epifania a Sant’Antonio si allungano di buone mezzore
– (5) Da Sant’Antonio in poi si allungano sempre di più
– (6) Urlavano come degli sguaiati. Cosa avevano fatto? Anche tu… è una gabbia di matti, lì non ne trovi uno migliore dell’altro
– (7) Mi dà prurito il naso: o è un pugno o è un bacio
– (8) L’ho spaventato come un cane. Dovevi vedere… andava via velocemnete con le gambe al sedere
– (9) Il santo di cui non si ha fede e che non si prega, è quello che ti fa la grazia
– (10) Non hai finito di brontolare? Mi sembri il mare quando borboglia
– (11) Saranno brutti i debiti? Ma lui è anche peggio. E’ il diavolo a forma di chioccia (persona infida)
– (12) Da quando gli hanno tolto il comando si è avvilito. E’ come l’erba tagliata
– (13) Quel bambino è molto vivace, mi sono sfiancato per stargli dietro
– (14) Sarà anche rozza come uno scarpigno, però è anche proprietaria di un bel podere
– (15) Metti lo scaldaletto nel letto che la brace per lo scaldino è già fatta

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Accadeva nel:

SEGNALA




Privacy*

FACEBOOK

La Piazza della provincia di Rimini. Redazione : Piazza Gramsci, 34 - 47843 Misano Adriatico | p.iva 02540310402 | Direttore Responsabile: Giovanni Cioria
© 2014 Tutti i Diritti Riservati | mappa del sito
Web Marketing Rimini
Condivisioni