E’ ormai un mondo lordo

image_pdfimage_print

E’ che sa, noi tanto anziani
siamo lenti, a volte strani.
Ci gloriamo dei ricordi
ci fingiamo ciechi e sordi.

E’ un ruolo assai semplice
che consente non essere complice
come certe istituzioni
di politici e trafficoni.

Vede in questa società
l’uomo retto non ci stà
qui, la giungla è ormai l’esempio
chi è più ricco può far scempio!

Ci son urla ormai antiche
su vergogne mai smentite,
e nemmeno un intervento
di chi ne avrebbe lo strumento

Non indagini o inquisiti,
non dimessi né pentiti,
quei si godono il ladrato
alla faccia di chi è pulito.

E così una ferita
nel mio ego è incancrenita:
A mio figlio che ho da dire?
Che s’è onesto ha da soffrire?

Le fatiche quotidiane
di chi lotta per il pane
contro il lusso e le fanfare
di chi sceglie il malaffare?

Nel frattempo guardi qua
m’è cambiata la città.
E se viene su dal mare
è un po’ più cimiteriale!!!

I cipressi e poi i lumini
Anche in strada poverini…
Ti ricordan che a guidare,
sempre attento devi stare?

In complesso carreggiata
l’han ristretta mica ampliata!
Cento metri di rotondoni
schivi pali e deviazioni!!!

E poi tu non ti stupire
se il mal di mare hai per finire.
In compenso han tanto speso
per quel tratto poco esteso

che per ora (ma sarà lunga),
dal niente al niente ti prolunga.
Mentre scrivo sti lamenti
leggo “Ghigi: licenziamenti”

Ostcià ciò che novità
Lo sapeva ogni città
che ci avevano svenduti
a speculazion dei bruti!

E i politici locali?
Bhe son proprio tutti uguali?
Fan orecchie da mercante
Di vergogne ne hanno tante?

Se la destra fa la sua
La sinistra qui ha la bua!
Perde lingua, verve e parte
Se elezioni non ha alle porte!!!

Mi stupisce il partitone
che PCI avea per nome
zitto dopo l’accaduto
o è al collasso o s’è svenduto

Sa il tempo che trascorre
Da quei volti può tradurre
Quei politici bambini,
ancor li son da nonnini.

Dell’ Europa aman l’ Unione
ma si spaccan in un vallone.
Ognun pensa al suo quartiere
Senza idee da far brillare.

E così che in questa via
sempre più è periferia
ci si viene per dormire
con la fretta di sparire!

Quanto tempo ci vorrà
a riprender dignità?
Con indagini, dimissioni
e idee pei cittadini!

Beh! lo sa soltanto Dio!
Nel frattempo pago anch’io
e anche chi senza pretese
vorrebbe fossimo un paese!!!

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Accadeva nel:

SEGNALA




    Privacy*

    FACEBOOK

    La Piazza della provincia di Rimini. Redazione : Piazza Gramsci, 34 - 47843 Misano Adriatico | p.iva 02540310402 | Direttore Responsabile: Giovanni Cioria
    © 2014 Tutti i Diritti Riservati | mappa del sito
    Web Marketing Rimini
    Condivisioni