1

SAPORI E COLORI DEL NOSTRO DIALETTO di A.F.

– To là, to qua, tra i dù an savria chi capè: un lè la mèrda e clèlt l’è al badil (2)
– Al sbadij an è un ingann: o fèma, o son o qualch malann (3)
– Chi bèl vo comparì la cutga (cuoio capelluto) l’ha da sufrì (4)
– A togh mej magnè pèn e zvola una volta al dé ma chesa mia, che stè sota padron (5)
– La prima l’è al croj (panno di cucina), la sgonda l’è la moj (6)
– Ormai che ho fatt trenta a facc anche trentun: a voj fè prova da pulì al mél (fare piazza pulita) (7)
– “Nu cred da ess un bèl gingìn” – “Ma gnènca te tz’è ad cera benedeta” (8)
– Coo?!? L’aveva più ad cent’an? Un s’po dì che u l’ava fughè (affogato) la bèlia… (9)
– Ancora an so arvata ma j nuventa, ma ai dagh dré l cul (ci sono vicino) (10)
– Quand la néva la vén dal mèr prima ad mizdé, al bufa tutt al dé (11)
– Ho dè ‘na sbriséda (strisciata) sora al bricin (ghiaino), che a so tutt scorghe (scorticato) cume ‘na cagnéza (tipo di pesce) (12)
– Se t’la vo la è i se, se an t’la vo la è i se li stess. A so ste cér?! (13)
– Scrivo zero e porto a pupa (poppa) (14)
– U j’è ‘na znia (brutta gente) in gir, che se an ztè tenti it roba anche i ciod mai mur (15)

– (1) Rosso di sera bel tempo si spera. Rosso di mattina la pioggia si avvicina
– (2) Prendi là, prendi qua, tra i due non saprei chi scegliere: uno è la cacca e l’altro è il badile
– (3) Lo sbadiglio non inganna: o fame, o sonno o qualche malanno
– (4) Chi vuol comparire bello deve fare soffrire il cuoio capelluto (per sottoporsi alle varie capigliature)
– (5) Preferisco mangiare pane e cipolla una volta al giorno a casa mia, che stare sotto padrone
– (6) La prima è il canovaccio, la seconda è la moglie (la seconda moglie è tenuta con più riguardo rispetto alla prima)
– (7) Ormai che ho fatto trenta faccio anche trentuno: voglio provare a pulire il melo (andare fino in fondo)
– (8) “Non credere di essere un bel tipo” – “Ma neanche tu sei di cera benedetta”
– (9) Cosa?!? Aveva più di cent’anni? Non si può dire che l’abbia affogato la balia…
– (10) Ancora non sono arrivata ai novanta anni, ma ci sono vicino
– (11) Quando la neve viene dal mare prima di mezzogiorno, nevica tutto il giorno
– (12) Ho dato una strisciata sul ghiaino, che sono tutto scorticato
– (13) Se la vuoi è così, se non la vuoi è così lo stesso. Sono stato chiaro?!
– (14) Scrivo zero e porto a poppa (peggio di così – senza rimedio)
– (15) In giro c’è una brutta gente, che se non stai attento ti rubano anche i chiodi nei muri