SAPORI E COLORI DEL NOSTRO DIALETTO di A.F.

image_pdfimage_print

– An pènd mai d’un fil, i suv (suoi-genitori)il tén cume un arloz (2)
– L’è sempre a post, tutt biench e arcunz (pulito e aggiustato)che l’è un piaser a vedle (3)
– Chi? Quèl! L’è gustos cume la mèrda tal let (4)
– Sa chi du occ da pess a lèss, an ha l’eria da èss un gran svalton (5)
– U j fa l’arionda d’intorne, ma lèa al pèr che l’an ni voja savé (6)
– Coo! Al va dré ma cal quèdre antigh?!? (vecchia zitella) Antigh quan t’vo, però l’è una da quatren (7)
– Adess quest u j entra cume i ciod tl’insaleda(8)
– Al sta a gala cum un gatt ad piomb (9)
– Va ben a ess bon, ma gnènca quaon (coglione) da fat (10)
– L’è un ciacabdoc (testardo-insistente) che al batt al batt, che t’fnéss pri dei rason pri sfiniment (11)
– Oh, ploja! T la vo fè fnida? T m’è bèla tolt i sentiment! (12)
– L’è grand e gross e ancora al va dré ma li smègne (stupidaggini) (13)
– A m’aracmand, nu tintinega: sa lor bsogna fè dur cun dur (14)
– Mo, mej ad lu chi sta? An t’ved, um pèr Papa Sèst sa cla pultrona! (15)

– (1) Credi che faccia anche lui gli orologi con la mollica del pane! (Poco creativo, incapace)
– (2) Non pende mai d’un filo, i suoi lo tengono come un orologio
– (3) E’ sempre a posto (ordinato), tutto pulito e aggiustato che è un piacere vederlo
– (4) Chi? Quello! E’ gustoso come la #### nel letto (disgustoso, rompiscatole)
– (5) Con quei due occhi da pesce lesso, non ha l’aria di essere molto svelto (tonto, impacciato)
– (6) Gli gironzola intorno, ma lei pare che non ne voglia sapere
– (7) Cosa? Vai dietro a quel quadro antico?!? (vecchia zitella). Antico quanto vuoi, però è una che ha i soldi
– (8) Adesso questa c’entra come i chiodi nell’insalata (senza senso)
– (9) Sta a galla come un gatto di piombo (che non sa nuotare)
– (10) Va bene essere buoni, ma neanche coglioni del tutto (non essere stupidi – fessi)
– (11) E’ un testardo che batte e ribatte, che finisci per dargli ragione per sfinimento
– (12) Oh, noioso! La vuoi fare finita? Mi ha tolto i sentimenti!
– (13) E’ grande e grosso e ancora va dietro alle stupidaggini (sciocchezze)
– (14) Mi raccomando, non tentennare (esitare): con loro bisogna essere duri e decisi
– (15) Mo, meglio di lui chi sta? Non vedi, pare un papa su quella poltrona!

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Accadeva nel:

SEGNALA




Privacy*

FACEBOOK

La Piazza della provincia di Rimini. Redazione : Piazza Gramsci, 34 - 47843 Misano Adriatico | p.iva 02540310402 | Direttore Responsabile: Giovanni Cioria
© 2014 Tutti i Diritti Riservati | mappa del sito
Web Marketing Rimini
Condivisioni