1

SAPORI E COLORI DEL NOSTRO DIALETTO di A.F.

– Una nusa (noce) t’un sach la fa poch ciass (chiasso) (1)
– Sta cuérta l’è tropa sorta (spessa), l’an s’acosta ben pri gnint. La m fa cop (coppo) ma la copa (nuca) (2)
– Ho fat la figura dal du ad cop, ho sbazufiè su e an ho fatt ‘na straza (3)
– Um vén avènti un flamon (giradito), già che t’zé in mosa, passa a tom ‘na scatuléna d’ont ad Sgnurén (4)
– Alora? L’è più tèrd che n’è bunora (5)
– Al bèl fè e al bèl tratè, al sta bén enca tla stala (6)
– Us dis: sin cal dura al fa verdura, o an du cu j’è frescura u j’è verdura? (7)
– An importa che zfurgata tènt la testa, tènt se an è zupa le pèn bagnèd (8)
– T’zé un gran sbrudlon, t’zé impataraciè tutt… at mitrò su al bavusén (bavaglino) cume ma un pupén znén (9)
– An importa che t’chènta tènt da gall, perché ancora an sin for d’ora (10)
– At dmand scusa, ma a l’ho fatt senza birbèra (cattiveria) (11)
– A dila s-cèta e nèta an t’zé ‘na gran fis-cia gnènca té (12)
– L’ha ‘na luda (miseria) m’adoss; purett, l’è sempre zprèd dur (13)
– Nu dai ment, l’è un sminciunèd cl’ha sempre voja ad sbruzz (14)
– Al slus (luccica)… l’è d’or? – Um pèr! D’or chègazvèt (15)

– (1) Una noce in un sacco fa poco chiasso – rumore
– (2) Questa coperta è troppo spessa, non si accosta bene. Non aderisce e tiene poco caldo
– (3) Ho fatto la figura del due di coppe, ho farfugliato su e non sono riuscito a farmi capire
– (4) Mi sta venendo un giradito – bugno, già che sei in giro passa a prendermi una scatolina di unguento. (I Sgnurén gestivano un negozio di merceria in via Mazzini)
– (5) Modo per dire che è tardi
– (6) Il bel fare e il bel trattare, sta bene anche nella stalla
– (7) Si dice: fin che dura fa verdura, oppure dove c’è frescura c’è verdura?
– (8) Non importa che ti arrovelli tanto, tanto se non è zuppa è pan bagnato
– (9) Sei un gran sbrodolone, ti sei macchiato tutto… ti metterò il bavaglino come ai bambini piccoli
– (10) Non importa che tu canta da gallo, perché ancora non è detta l’ultima parola
– (11) Ti chiedo scusa, ma l’ho fatto senza cattiveria
– (12) A dirla schietta e netta non sei una gran tipo neanche te
– (13) Ha una miseria addosso; poveretto, è sempre senza soldi
– (14) Non dargli ascolto, è uno scanzonato che ha sempre voglia di scherzi – storie
– (15) Luccica… è d’oro? – Mi pare! Oro di cacca di civetta