Tre Martiri, una piazza per non dimenticare

image_pdfimage_print

Um dispis, an stag ben enché sa so in pid,
an pos andé sla banda a suné si mi culega,
ujé una ricorenza per cui ancora al strid
al cuscienze e per Lor in tent tutora i prega
Un fat ad sangue c’lè un purtrop di tent,
quest durent l’ultma guera a Remne l’è suces,
l’é poc a dì che jé sté amzed da di brighent.
Pricis ad tent elt, alora in s’era sotomes
ma la prepotenza d’un regim che l’era al corde
e i su rapresentent più cativ, fin chi puteva,
sl’aiut nazesta che us sarviva enché ad specele orde,
cumé dli belve i sbraneva e is vendicheva.
Divers an fa che a s’era ancora ragazet,
ho parlé più volte sa genta giovna e anziena
che jà asistì diretament ma cl’at maledet,
agl’SS li jeva tnù per forza tla piaza cla matena.
Ujera armast t’jecc, di Tré Ragaz jultme at,
e cumpurtament brutel d’un italien cativ,
al done che al pigniva c’lin vleva che misfat
e i jà las avnì via che i Tré in era più viv.
Ma cla piaza da chel dé i jà cambié e nom,
prima la eva quel d’un putent mo un ditator
che l’ha fat robe grande mo un bon om
cert un era, per sti Tré sol un pensier d’mor
invece us pò avé. “Trè Martiri” nom che la piaza
ogg la porta l’è più giust, Tré ragaz sfurtuned
che javeva d’jdeel bon per l’om ad ogni raza
e cumé stamatena, ilé, an fa jé sté impiched.

Mario Tonini

© RIPRODUZIONE RISERVATA

SEGNALA




Privacy*

FACEBOOK

TWITTER

La Piazza della provincia di Rimini. Redazione : Piazza Gramsci, 34 - 47843 Misano Adriatico | p.iva 02540310402 | Direttore Responsabile: Giovanni Cioria
© 2014 Tutti i Diritti Riservati | mappa del sito
Web Marketing Rimini
Condivisioni