SAPORI E COLORI DEL NOSTRO DIALETTO di A.F.

image_pdfimage_print

– Uj mancheva sempre znov (diciannove) sold pri fè un frènch (1)
– An avimie un baoch da sbat sa cl’èlt (2)
– A so già straca (stanca) e sudéda a pansè par mé, fam bacilé (preoccupare) anche per leia! (3)
– Una bona facia la vèl più d’una pussion (podere) (4)
– T’è propria mnè (menato-colpito) tal palén, t’è inzchè in pin (5)
– La facenda (situazione) la s’imbrugla (complica), la sfa sempre più gnara (fosca) (6)
– A stagh s’un gran cul strett, fin c’an vègh cum la va fnì (7)
– L’è un bagion (furbastro) che al vò roba, quatrén e figh a la metà (8)
– Tla vita in ha fat èlt che mucé i sold, in ha da vé enca su pli budell (9)
– U la fa caschè da l’èlt (alto), u j dà trop culor (importanza) ma la pasticeda (pasticciata) (10)
– T’me lass t’un bèl pastrocc, an saveva cume cavè i zampétt (gambe) (11)
– U ma dè ‘na zacagnèda (rimbrotto) c’u m’ha fat santì cum un vermne (12)
– A simie una rifuleda ad fiol e la miséria la era a stuff. Nu cred che a fessme tènt smènie o smiricacule (capricci) quand l’era ora da magnè… (13)
– Am so buta da giagia (coricata) sora al lett ché a s’era straca s-centa. Am so svegia che l’era nota in pèzz (14)
– A so un gran luvacion, mé la zupa inglésa a la magnaria ènca sora la pènza (pancia) d’un mort (15)

– (1) Gli mancavano sempre 19 soldi per fare un franco
– (2) Non avevamo un soldo da sbattere l’uno contro l’altro
– (3) Sono già stanca e sudata per pensare a me stessa, non posso preoccuparmi per lei
– (4) Una faccia disinvolta, disinibita, vale più di un podere
– (5) Hai colpito nel segno
– (6) La situazione si complica, si fa sempre più offuscata
– (7) Sto in grande apprensione finché non vedo come va a finire
– (8) E’ un’approfittatore (furbastro) che vuole roba, soldi e fichi a metà prezzo
– (9) Nella vita non hanno fatto altro che accumulare soldi, ne devono avere anche nelle budella
– (10) La fa cadere dall’alto, gli dà troppo importanza
– (11) Lasciato in situazione di difficile soluzione
– (12) Rimbrotto, da farmi sentire un verme
– (13) Famiglia con molti figli e povera . Non si potevano fare capricci quando era ora di mangiare
– (14) Mi sono coricata perché ero molto stanca. Mi sono svegliata in piena notte
– (15) Sono molto goloso, la zuppa inglese la mangerei anche…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

SEGNALA




Privacy*

FACEBOOK

TWITTER

La Piazza della provincia di Rimini. Redazione : Piazza Gramsci, 34 - 47843 Misano Adriatico | p.iva 02540310402 | Direttore Responsabile: Giovanni Cioria
© 2014 Tutti i Diritti Riservati | mappa del sito
Web Marketing Rimini
Condivisioni