Maggio, mese della Madonna

image_pdfimage_print

– Alle messe mariane di Madonna del Monte (Saludecio) partecipano tra gli 800-1.000 fedeli. E’ l’ultimo luogo mariano della Valconca, la Madonna viene convocata il 13 di ogni mese da maggio ad ottobre, nel ricordo delle apparizioni di Fatima, ma molto sentito. Il successo delle cerimonie (celebrazioni all’aperto) della frazione di Saludecio è dovuto a padre Lino Brocchi, “fervente devoto della Madonna di Fatima”.
Se la gioventù di Madonna del Monte attira migliaia di credenti, il santuario più antico della Bassa Valconca è quello della Madonna di Bonora a Montefiore. Origine nel 1.400, quando “un certo Bonora di Levola figlio di Ondidei Bonora, fece dipingere nella sua celletta, dove si era ritirato in una sorta di vita eremitica, una delicata immagine della Vergine, nell’atto di nutrire il Bambino”. Nel 1835 il luogo è in rovina. Si pensa di staccare l’affresco che reca la Madonna, ma la guarigione immediata di una donna (Annunziata Rossi) imposero la sospensione dei lavori e l’ingrandimento del piccolo santuario. Ogni anno salgono a Montefiore circa 500.000 pellegrini; giungono da tutt’Italia.
La Beata Vergine delle Grazie di Montegridolfo – “Due sono le apparizioni di Maria Santissima; una in data 25 giugno e l’altra nel 2 luglio del predetto anno 1548. Il luogo delle apparizioni è propriamente quello che nei tempi passati si chiamava Serra, ed ora dicesi Trebbio, posto verso levante del territorio di Montegridolfo”, scrive Del Monte nel 1913. Pochi mesi dopo l’apparizione venne tirato su il santuario. Visitato da migliaia di persone, il santuario di Montegridolfo è molto sentito nel Pesarese.
Carboniano (Gemmano) – Una chiesetta bianca sulla sponda destra del Conca, nel territorio di Gemmano, all’altezza di Taverna. Dalla primavera e per tutta l’estate è frequentato da una miriade di devoti. Nelle due feste, 1 maggio e 15 agosto, sono migliaia. La sua nascita sembra dovuta a due eremiti e viene fatta risalire, in base ai documenti, ai primi dell’800. Alla fine degli anni ’90 l’edificio è stato sottoposto ad un attento restauro. La Madonna, opera di Francesco Brici, riminese, per ragioni di sicurezza, è stata trasferita nella chiesa di Gemmano.
Montegridolfo – Nella chiesa di sant’Agostino, dentro il borgo, si venerava la Madonna di Loreto.
San Clemente – Nel XVIII secolo venne costruita una bellissima cappella mariana. A base ottagonale, con lesene, è fatta di mattoni, che il tempo ha reso magici.
Carpegna – Madonna del Faggio – E’ il santuario più antico della Valconca e si trova sulla cima della Carpegna. Risale al 1200 (atti notarili del 1205).

[img align=left]http://www.lapiazza.rn.it/maggio05/madonna_bonora.jpg[/img]

Montefiore, la Madonna di Bonora

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Accadeva nel:

SEGNALA




Privacy*

FACEBOOK

TWITTER

La Piazza della provincia di Rimini. Redazione : Piazza Gramsci, 34 - 47843 Misano Adriatico | p.iva 02540310402 | Direttore Responsabile: Giovanni Cioria
© 2014 Tutti i Diritti Riservati | mappa del sito
Web Marketing Rimini
Condivisioni