LA VOCE DELL’AIA – IL DIALETTO

image_pdfimage_print

Lis cema “foje morte”

Quand li s’è seche lis cema “Foje morte”
epur enché giù a tera lin è isè smorte,
tra d’lore lis dà drè, al giuga se vent,
indipendente, cuntente da fè più muviment,

lin è più me guinzai, agl’ha avù la libertà
da vulè. Via via da cla pienta che la jà fat da Mà,
una Mà severa c’lal tniva a Sè lighede
mo l’autun l’è arvat e u gl’ha sparpajede

lebre per tera che al pò andè duvè cui per
cum a vresme fè tut, per eria, tera e mer
senza che nusin ut posa dmandè e bigliet,
al veg ferme drè i pid, lis mov, al fa un giret

te perc che l’è tut un mosaico in mosa
ogni volta che e vent e dà un colp ad tosa.
Mal piente al reme ormai li s’è pulì
mo prima mel sfumadure li li ha gurnì,

l’è l’autun che per fel un dovra i fiur
mo tut i dè listes e cambia i su culur,
un gni fa gnint nisun quedre ad pitor,
e pnel dla natura ma tut l’è superior.

Al foje agl’ha vosa, quand uj si monta sora
al fa un bel crì, crì, la gamba li t’la sfiora
s’una careza cuntente d’es pistede, na l’aiut
al dmanda, l’è sa cla vosa che lit fa e salut.

Al fnirà in gnint cumè tut mo intent
ancora al va a spas t’un modi entusiasment,
agl’ariva si tet, tli finestre, contra al porte,
quasi al busa, ligere e pu lis cema “foja morte”

Mario Tonini (Riccione)

Nàdel

Che burdèl che nasarà
sora la paja,
un farà santì la su vosa,
ma per tèstament,
la làs i su insègnament.

Ancora tropi guèri te mònd,
bordèll in zir
tra la mundèzza di bidònn,
malèd senza nisùn,
doni sla strèda
fradèll in miseria.

Che burdèl che sasarà
un farà santì la su vosa,
gnènca sta nòta,
ma l’asèta, che tot nùn
a imparèma i su insègnament…

Lidiana Fabbri (Rimini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Accadeva nel:

SEGNALA




Privacy*

FACEBOOK

La Piazza della provincia di Rimini. Redazione : Piazza Gramsci, 34 - 47843 Misano Adriatico | p.iva 02540310402 | Direttore Responsabile: Giovanni Cioria
© 2014 Tutti i Diritti Riservati | mappa del sito
Web Marketing Rimini
Condivisioni