La bifena in paracadut (parodia alla Befana di “Zvanin”)

image_pdfimage_print

E ven ancor la bifena,
ste persunagg che sempre e dura
sla su vecia spazadura
e sla su solita sutena.
E ven ancora la bifena.

La cerca sempre la calzeta
che las tacheva me camen
per purtè qualc rigalen
mi burdel che i la aspeta.
Ades duv’è c’l’è la calzeta?

La pò es dapid de let
se e camen l’è andè in pension,
ormai u j è e termosifon
che l’arschelda, un ‘ è un difet.
Se la è dapid de let.

E pò suced in ogni chesa
da escie un o più litin
si burdel, na i strapuntin,
che la sia o no burghesa.
E pò suced in ogni chesa

che uj sia quej ti guai
e is lamenta ti su nid,
lal sa e lai fa boca da rid,
un suris un guasta mai
enchè per quej che jè ti guai.

La bifena tut la ved,
quej alegre e quej avilid,
u j è chi piegn, u j è chi rid,
insema sghend cus cui suced.
La bifena tut la ved.

Quela d’ogg, quela muderna
lan lasa indrè gema nisun,
e sarebb la bifena de cumun
parò un è quela materna.
Fata isè, quela muderna.

Lan ha più al mene in crosa,
sora la vesta enchè una tuta,
t’capirè, un po’ la s’aiuta,
cum è un temp lan si riposa.
Lan ha più al mene in crosa.

Ta la ved arvì da e cel
s’un umbrela culureda,
davera la s’è mudernizeda,
tra i palaz lan sbaia un pel.
Quand las ved arvì da e cel.

Questa parò un è quela vera
cla è te cor d’ogni burdel,
a cred at cl’elta l’è più bel
de rest la è enchè più sincera.
Quela sé c’l’è quela vera.

di Mario Tonini (Riccione)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Accadeva nel:

SEGNALA




Privacy*

FACEBOOK

TWITTER

La Piazza della provincia di Rimini. Redazione : Piazza Gramsci, 34 - 47843 Misano Adriatico | p.iva 02540310402 | Direttore Responsabile: Giovanni Cioria
© 2014 Tutti i Diritti Riservati | mappa del sito
Web Marketing Rimini
Condivisioni