SAPORI E COLORI DEL NOSTRO DIALETTO di A.F.

image_pdfimage_print

– Cal burdel l’è sech spint, cus ti dè da magnè i raganac? (1)
– Ciò, t’fè ‘na bela ploja longa (2)
– Izza fora! (3)
– La me costa ‘na bela sbiedla (4)
– La t’fa sempre ‘na pandengla longa quand la t’incontra… (5)
– Lu u s’elza che an’è nè dè nè ora, ma me invece um pies da cughlé tal let (6)
– La voja a des tut cal pés, mo anche lu l’ha al cul in du pachie cume i cuntaden (7)
– Gira, mesta, bréla, l’è sempre cla mnestra (8)
– A so bona, a so tut, ma an voj es gnenca ciapeda p’la serva ad Zoffoli (9)
– Quand a simie burdel a simie pin ad brughle, avimie li bucarolie e d’inverne avimie li men sli bughenzie (10)
– A no savù più gnint, ne puza ne brusadez (11)
– U jè da sguazè poc, i che us fa li budelie stilie (12)
– L’è ned tal bumbes… cal prega pu santadura… (13)
– Mal znen dai la bumbona, mal non dai al bumbo (14)
– L’è ‘na stalìa bona (15)

– (1) Troppo magro per cattiva alimentazione
– (2) Persona noiosa, lagnosa
– (3) Alla larga! – disgustoso
– (4) Cara, pesante
– (5) Persona lamentosa
– (6) Crogiolarsi (cughlè)
– (7) Si dà importanza, ma è come tutti gli altri
– (8) Stessa situazione
– (9) Voglio considerazione
– (10) Brug-le (croste da escoriazioni); bucarolie (herpes ai lati della bocca); bughenzie (geloni)
– (11) Perdere ogni traccia
– (12) Situazione di miseria
– (13) Nato negli agi
– (14) Al bimbo la caramella, al nonno un bicchiere di vino
– (15) Buona sistemazione

© RIPRODUZIONE RISERVATA

SEGNALA




Privacy*

FACEBOOK

La Piazza della provincia di Rimini. Redazione : Piazza Gramsci, 34 - 47843 Misano Adriatico | p.iva 02540310402 | Direttore Responsabile: Giovanni Cioria
© 2014 Tutti i Diritti Riservati | mappa del sito
Web Marketing Rimini
Condivisioni