San Gregorio: fiera millenaria

image_pdfimage_print

All’inizio fu l’abbazia

[img align=left]http://www.lapiazza.rn.it/marzo/sangregorio2.jpg[/img]

L’abbazia di San Gregorio tratta dal libro “Morciano California” di Umberto Giovannini

– Un’abbazia a tre navate, di impianto romanico con l’altare sopraelevato; attorno su un quadrangolo si aprono le cellette e gli spazi comuni dei frati: laboratori, botteghe, biblioteca. Si trova su un poggetto che domina il Conca.
Questa doveva essere l’abbazia di san Gregorio, dove si svolgeva la Fiera che ancora oggi si celebra ed è una delle più frequentate della Romagna.
Nonostante le numerose vicissitudini subite dal complesso, è possibile rintracciare ancora porzioni di muratura risalenti al primo impianto; bellissimo, anche se in pessime condizioni, è il prospetto rivolto verso il fiume in cui sono ben visibili, nonostante gli assalti delle erbacce, i sei archi a tutto sesto della navata centrale delimitati da ampie lesene in mattoni.
E’ ancora accessibile la cripta con volta a botte posta sotto l’area presbiteriale (oggi divenuto un deposito)
L’impianto, costruito secondo i dettami religiosi del suo fondatore, ispirati alla semplicità e alla vita meditativa, mutò la sua conformazione nei secoli fra il XIII e il XIV; venne ridotto lo spazio della chiesa con la eliminazione delle navate laterali, venne eretto un porticato sul fronte della chiesa. Sono ancora visibili i resti di tale ristrutturazione nei tre pilastri superstiti e nella ghiera in mattoni posta ad indicare l’accesso.
Di conseguenza la zona conventuale si ampliò con la costruzione di tutti gli spazi presenti nei monasteri benedettini.
Con la venuta dei monaci di Scolca, l’Abbazia iniziò il suo declino, fino ad arrivare al suo definitivo abbandono il 4 luglio 1797 quando fu acquistata dal conte Luigi Baldini.
I resti si intuiscono percorrendo il tratto di strada che da San Giovanni conduce a Morciano di Romagna. E’ possibile scorgere, sul lato destro, un grande complesso oggi adibito a residenza che si addossa ad un rudere di grande interesse storico.
Si tratta di edifici monastici benedettini. Furono fondati nel 1060 da San Pier Damiani che ben presto diventò un “centro commerciale” di notevole importanza tanto da ospitare nelle sue vicinanze la fiera di San Gregorio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

SEGNALA




Privacy*

FACEBOOK

TWITTER

La Piazza della provincia di Rimini. Redazione : Piazza Gramsci, 34 - 47843 Misano Adriatico | p.iva 02540310402 | Direttore Responsabile: Giovanni Cioria
© 2014 Tutti i Diritti Riservati | mappa del sito
Web Marketing Rimini
Condivisioni