Poesie dialettali

image_pdfimage_print

Adio Lira
di Mario Tonini
Riccione

L’era e melaotcentsentadè e l’Italia la suspira:
um teca fè una fiola, a partures la lira
e dep sla cres chi sa che lan m’aiuta,
intent a la fac forta e s’una bona saluta,
ai met stè nom che un è una rarità,
a vuj che sia la muneda dla mi unità.
E su valor ma sta bela ragazeta
i gl’ha arcnusù tut supte a dila s-ceta,
putela avè l’era parò una gren illusion
per trep che in eva al giuste cundizion
da guadagnè abastenza per fè al spese,
persina jà cantè: potessi avere mille lire al mese,
mo is tniva tal sacoce quej cla aveva,
ferma e at quele di puracc mai la jandeva.
Sl’ultma burasca un dè, un ver ciclon,
l’ha tachè grosa la malatia dl’inflazion,
e ciclon dla guera, sla morta insen sla fema,
l’ha travolt tut cumpres e vec sistema,
la lira la s’è selva parò sora e vistid
per un po’ ad temp la s’è vesta cusid
du letre: AM cl’era un segn d’ocupazion,
roba militera, l’eva cambiè aministrazion
e quej che la lirina i la aveva d’un chent,
i la ha trata fora che lan valeva un acident
per cui la lira cla era fata ad cherta,
sempre più us n’è stampè mo cumè la cverta
curta la ha fat che sla ariva a cruv la testa,
pid e un pez ad gambe scvert i resta
però e lavor c’un s’era mai fat veda,
l’è scap fora e la lira l’ha supte curtigeda,
insen i s’è trov ben mo lia sopratut
la jà ciap gust e la ha cmenz andè sa tut
però anchè per lia pien pien u s’è fat nota,
e gir u s’è fat grand, lia vecia lan ten bota,
e mond e camena per naturela evoluzion,
lan ten e pas e uj teca andè in pension,
l’ariva un, pimpent cumè un caval da trot,
pin ad sperenze, per forza, l’è un giuvnot,
un caciador ad munede, sla su s-ciopa
l’ha fat seche tute cal vece mo l’EUROPA
che la è giovna e tent robe la prumet,
sa lù la vò fè chepia, la se vò purtè a let,
naturalment se cunsens e al cerimogne
di popul europei chi binides ste matrimogne.
Tut il sa parò an ho det ancora e nom
ad ste giuvnot e am permete una riflesion:
us cema EURO e stavolta l’è una novità
in tut, quatre letre che al vo dì unità,
spirem cal porta ben, ad long e la pretesa
che sia quela da veda emenc l’EUROPA in pesa.

Un’ è un film
di Anna Maria Maugeri
S. Giovanni in Marignano

E’ scurr e filmed,
un giurnalesta e’ perla,
le robie ad no cred,
immagini ad guera,
la roba più bruta
chi è sora la tera.

Vistid a brandell
e urla ad burdell,
scherpie sbusidie
e ermie firmidie,
perfetie tel tai
e cl’in sbaia mai.

E genta sdraieda
se ciglie dla streda,
la neva la casca,
la cambia culor,
e drent l’eria fresca
prufom ad terror!

Tristeza
di Anna Maria Maugeri
S. Giovanni in Marignano

Tristeza l’è un’immagine a cunfront…
e la più giovna cla svaness drenta el tramont…

Guardè la tevla parceda dla memoria,
persogne e volt
che ormai i n’ha più storia.

Tristeza l’è una cadena d’or,
che te tent desiderè,
… e l’an ti dà nisun calor…

Aspitè una careza tla sera
e pu capì… cla n’è sincera…

Camnì a pasa svelt vers è futur
ciarcand da lasè indrè tutt i dulur,
… e sufuchè chel sens ad amareza,
dicend: … l’è sol un atime at tristeza…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Accadeva nel:

SEGNALA




Privacy*

FACEBOOK

La Piazza della provincia di Rimini. Redazione : Piazza Gramsci, 34 - 47843 Misano Adriatico | p.iva 02540310402 | Direttore Responsabile: Giovanni Cioria
© 2014 Tutti i Diritti Riservati | mappa del sito
Web Marketing Rimini
Condivisioni