Poesie dialettali

image_pdfimage_print

L’an nov
di Guerrino Semprini
Misano Adriatico

Andand avanti di per di
a sim arvat me dumilatri
un ent an usne andè
sa poc robe bone d’arcurdè
le ste un an che u se arcolt poc frut
le ste un an poc bel per tut
e turisme la andè poc bein
la stesa cosa la è ste per i cuntadein
at divers pais uiè ste la guera
uiè ste poca pesa sora sta tera
l’odie inveci da eliminel
um per che a stama aumentel
lè sempre più dura a putè campè
al distenze suciele aglià aumentè
uiè sempre più cativeria sora sta tera
uiè ancora genta che i vo fè la guera
uiè e president dl’America che macach
che e vo fè la guera ma l’Irak
perchè lu la guera u la cmanda
ma a fela ma chielt e manda
se landas lu o quelch su pareint
un la faria un accideint
quest le suces anche ma noun
in guera un gnera nissoun capurion
perchè in guera uiè sol da patì
e spes anche da murì
uiè ste e terremot anche st’an
che la fat anche paric dan
te Molise a San Giuliano sopratut
uiè ste un bel disatre, un sac ad lut
un aula sculera intera la distrut
chi pora burdel uià mazè tut
anche te nord un gne ste mei situazioun
perchè uiè ste al frene e innundazioun
uiè ste i mort e i firid
sa tut stal disgrezie uiè poc da rid
te mond e mor i burdel ad fema e carestia
mentre una masa la roba i la buta via
una masa d’omne per putè campè
iè custrit andè ad emigrè
anche per al done uiè poch da rid
per campè ui toca fè servizie si marciapid
i padroun le ancora qui dna volta
se iuperai i patis poc uimporta
it fa lavurè una masa e it pega ad stil
pussibilmeint it fa lavurè in nir
anche la Fiat la vò ciud i stabilimeint
e mandè a chesa i su dipendeint
cert che per Agnelli quest un è un quai
ma inveci cum che i farà a magnè i su uperai
Agnelli uià sigur da perta i su prufit
mentre iuperai i na nè sold e nè dirit
anche me nost guverne ad centrodestra
uiè da fei poca festa
perchè fina og e su lavor
le ste quel da fè al lege sol per lor
mentre invece le sigur
che iglià fate contra i lavoradur
e più brut che ià fat le sigur
a cambiè e statud di lavoradur
l’article diciot i vò cambiè
per avè via libra per licenziè
ma no ma quii che in lavora e in riga drit
ma inveci ma quii che i pretend i su dirit
te parlameint ià fat una gran battaglia
per fè rientrè e capitel che ià fura d’Italia
ma mi a digh e a so sigur
che fra quist un gne i lavuradur
uiè sol lor signori i mafius, che ià rubè
e non i lavuradur che i fadiga a campè
la tassa ad sucession ià eliminè
ma anche i chi se andam bein a guardè
uiè poch lavuradur che ià i capitel da lasè
mentre lor signori, cum che iavrà fat a fel?
inà tent che in sa ma chi lasel
e cap de guverne addiritura
lè arrabied una masa sla magistratura
perchè ogni tent il cema in tribunel
e pu il cundana, quest lè e bel
ma cum sarà, mi a so cunvint
che i giudic in cundana chi nà fat gnint
tla finanzieria per e duemilatri
ai navim da veda dli bele anche i chi
i taia a destra a sinistra, i taia drit
sempre a discapito di più purit
mai una volta ste pu sigur
mai una legge contra i sgnur
vuielt a girì che mi a so trop pessimista
mi ha esprim sol e mi punt ad vista
se pu a sbaias la mi opinion
a saria non cunteint, ma cunteinton
se l’an nov e fus un an ad felicità
che ui fus e lavor per qui che in là
che te mond ui fus da magnè per tut
che un gni fus più guere, più lut
che in fabricas più erme ad distruzion
ma più roba da magnè, più gren più furmantoun
che i sienzied i lavuras sol per e bein
e non sol per e dio quatrein
se al richezze al fus divise più equameint
us putria campè più bein e ste cunteint
ste pu sigur al scriv i chi
quest lè quel che avria mi
mi a augure ma tut un an ad felicità
che te mond ui fusa più bontà
senza più nissoun odie ma più amor
quel che e prigheva e nos Signor
amanse aiutimse vlisme bein
nu pansema sol me dio quatrein
perchè poc o una masa che i sia
cant a murin nisseun i porta via
ma forse i girà, guerda che quaion
là sparagnè tent per noun
e paradis un si compra si quatrein
ma a fè opere bone e a fè de bein
mi a digh che dal colpe agliavim anche noun
perchè e Creator un ha fat nè padroun e nè garzoun
allora i lavurador tut, i purit
tut unid difendina i nost dirit
quel che uiè te mond lè da es ad tut
non sol di sgnur, di padroun di farabut
ades a smet a fnis i qua
augurand ma tut un an ad felicità
tent robe bone ogni bein
pin ad saluta e ad quatrein
se pu ste scrit un fus ad vost gradimeint
perdunem, nu mandem un accideint.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Accadeva nel:

SEGNALA




    Privacy*

    FACEBOOK

    La Piazza della provincia di Rimini. Redazione : Piazza Gramsci, 34 - 47843 Misano Adriatico | p.iva 02540310402 | Direttore Responsabile: Giovanni Cioria
    © 2014 Tutti i Diritti Riservati | mappa del sito
    Web Marketing Rimini
    Condivisioni