LA TERA IN CALOR di Mario Tonini (Riccione)

image_pdfimage_print

Sta palina che la gira mai la smet,
sta volta la è drè a fec un scarzet,
da sentamel’an quasi, un c’l’è poc fugos
la aspiteva che l’avnesa i qua, e muros,
un po’ da pres, per carità na a tuchela
che se suced lai ciapa gust, va te a stachela,
che Marte l’è un birbon, i dis c’l’è g-led
mo per la Tera fors l’è e su innamured
e se uj s’avsena Lea las met a scutè fort,
ad quest ultimament ognun us n’è incort.
Us dis: cumela che l’è un cheld che mai?
L’equatore u s’è spost, e mond l’è tut un sbai,
che us facia veda ancora la stason nurmela
sla piova d’ogni tent da arvì l’umbrela?
Comunque sia sta volta per amor,
la nosta Tera sigur la è andè in calor
e se ste Marte c’l’è ros, c’un è un difet,
s’un va più ad long a ne so cum las pò met,
piova, uragani, al più gren perturbazion
da un po’ al videm sol per television
che a la fen fra gragna, vent e trombe d’eria,
duv’è che al ciapa agl’è più disastrose dla miseria,
insema per ades un si ved la suluzion
de cheld se ma la Tera un gni pasa sta pasion.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

SEGNALA




Privacy*

FACEBOOK

TWITTER

La Piazza della provincia di Rimini. Redazione : Piazza Gramsci, 34 - 47843 Misano Adriatico | p.iva 02540310402 | Direttore Responsabile: Giovanni Cioria
© 2014 Tutti i Diritti Riservati | mappa del sito
Web Marketing Rimini
Condivisioni