Torna la “Festa dei Frutti” tanto voluta da Tonino Guerra

Il Maestro, Tonino Guerra

C’è un’atmosfera molto particolare a Pennabilli in occasione degli Antichi Frutti. Non ri respira solo l’aria borghigiana di montagna. E neppure solo quella che ricorda, inevitabilmente, il Maestro Tonino Guerra. Difficile dire. Però tutte queste varietà, come dire, aprono la mente. La diversità diventa qualcosa di oggettivo. Di reale. Si sperimentano odori, sapori, forme. Niente a che vedere con quelli che si vedono nel caro supermenrcato sotto casa, in città.

Quest’anno poi c’è la “speciale” partecipazione di Carlo Petrini, il fondatore del movimento culturale Slow Food, il quale riconosce “come tutti i movimenti di tutela del mondo e della terra siano partiti dall’Orto dei Frutti Dimenticati di Tonino Guerra”. Il giardino, creato nel 1990,  è una “raccolta” di alberi da frutto appartenenti alla flora spontanea delle campagne appenniniche, presenti nei vecchi orti delle case contadine ma che oggi, non essendo più coltivati, vanno scomparendo.

Carlo Petrini inaugurerà la manifestazione nel pomeriggio di sabato alle ore 15:00 presso l’Orto dei Frutti Dimenticati e più tardi terrà una conferenza dal titolo “Difendere la biodiversità significa difendere il futuro” presso l’Associazione.

 

 




Convegni medico-scientifici, tutti gli appuntamenti

Per la prima volta a Rimini, l’XI Congresso Nazionale AIUC – Associazione Italiana Ulcere Cutanee, attiva da oltre 13 anni, si è aperto questa mattina al Palacongressi alla presenza di 1.000 delegati. Titolo del Simposio che proseguirà fino a sabato 29 settembre: “La ferita difficile resa facile. Il paziente, i professionisti e il mondo della ricerca insieme”. 9 le sale lavori utilizzate in contemporanea per le varie sessioni, 500 mq di area espositiva, 40 gli espositori.

Entro il prossimo mese di ottobre altri 7 gli eventi del settore medico-scientifico che si svolgeranno nella struttura riminese, ed in particolare: XLIII Congresso Nazionale SIN – Società Italiana di Neurologia 6 – 9 ottobre/2.500 partecipanti. Seguiranno il 61° Congresso Nazionale SINCH – Società Italiana di Neurochirurgia (12 – 14 ottobre), il XI Congresso Nazionale SICVE – Società Italiana di Chirurgia Vascolare ed Endovascolare (15 – 17 ottobre), il VIII Congresso Nazionale SIMEU – Società Italiana di Medicina d’Urgenza d’Emergenza (18 – 21 ottobre), il Nobel Biocare Symposium 2012 (19 – 20 ottobre), Biotecnologie, salute e nutrizione (26 – 27 ottobre), il 55° Corso Gratuito Fondazione L. Castagnola, il 31° Memorial Biaggi (26 – 27 ottobre).

 

 




Ospedale, inaugurato il reparto di Nefrologia e Dialisi

Nuova ed importante inaugurazione questa mattina all’Infermi. Dopo quella del reparto di Gastroenterologia – Endoscopia Digestiva della settimana scorsa e quella prevista sabato prossimo presso l’Ospedale “Sacra Famiglia” di Novafeltria per la nuova Tac, stamane primo giorno di attività ufficiale per il nuovo reparto di Nefrologia e Dialisi con il consueto taglio del nastro alla presenza del direttore generale Marcello Tonini, del direttore medico Stefano Busetti, del direttore del Dipartimento Internistico I Giorgio Ballardini e il direttore facente funzioni dell’Unità Operativa Angelo Rigotti e l’ex primario (e direttore di dipartimento) Leonardo Cagnoli.

La prevalenza delle malattie renali e dell’insufficienza renale – ha detto il dottor Rigotti – è in tutto il mondo più elevata di quanto si possa comunemente immaginare. Studi epidemiologici europei evidenziano che l’incidenza annuale di pazienti con insufficienza renale grave è di 260 persone per milione di abitanti, con una marcata preponderanza di maschi ed un fortissimo aumento dell’incidenza con l’accrescersi dell’età. Nella provincia di Rimini, pur in assenza di dati epidemiologici certi, si può ritenere che la incidenza annuale di nuovi pazienti con insufficienza renale grave si aggiri intorno agli 80 pazienti/anno e che la prevalenza dell’insufficienza renale sia pari a circa 1.200 pazienti.

Se si considerano però anche i pazienti affetti da forme meno gravi di insufficienza renale la prevalenza cambia decisamente e nell’apposito Registro della Regione Emilia Romagna sono già registrati, per il territorio riminese, più di 1.500 pazienti. Si stima inoltre che il 7-8 per cento di tutta la popolazione possa essere affetta da insufficienza renale. L’insufficienza renale è una patologia progressiva, che tende a peggiorare nel tempo e a portare verso la fase terminale della funzione renale e quindi alla necessità di un trattamento sostitutivo (dialisi o trapianto). E’ inoltre gravata da una importante mortalità, che è addirittura superiore alla mortalità per neoplasia del polmone.

A chiudere gli interventi il direttore generale Marcello Tonini: ha spiegato che “questo per me un giorno di duplici sentimenti. Vi è ovviamente un sentimento di soddisfazione per quanto siamo riusciti a realizzare e per il fatto che per il lavoro che è stato fatto negli ultimi dieci anni, da noi e da chi ci ha preceduti, la sanità di questo territorio è dignitosa. Ma vi è anche uno stato d’animo di preoccupazione, che non voglio nascondere, poiché, andando a regime alcuni recenti provvedimenti del Governo centrale, nei prossimi due – tre anni dovremo contare su minori risorse per 25 – 30 milioni di euro rispetto al fabbisogno. E’ evidente che questo ci mette nelle condizioni di dover fare dei sacrifici. Ma è anche vero che il nostro bilancio è in ordine, è buono, e quindi, forse, i sacrifici saranno un po’ più piccoli rispetto a quelli che dovranno fare altri. Questi sacrifici dovranno essere equi e giusti. In questo panorama vi saranno delle priorità. La principale sarà la crescita del Dea, con la Rianimazione, che inaugureremo il 4 ottobre prossimo, e poi negli anni a seguire con la Cardiologia, la centrale di sterilizzazione e il comparto operatorio. Poi dovremo dare una messa a posto all’ospedale di Novafeltria e ad altre situazioni su tutto il territorio”. Il direttore ha ribadito che “non sarà un periodo facile ma, in virtù delle buone politiche messe in atto negli anni scorsi, ce la faremo”.

I dati sui ricoveri e le specificità del reparto

Attualmente presso la “Nefrologia e Dialisi” dell’Ospedale di Rimini vengono seguiti 319 pazienti in trattamento sostitutivo: 104 pazienti sono portatori di trapianto renale funzionante, 10 pazienti sono sottoposti a trattamento peritoneale domiciliare, 205 pazienti sono sottoposti ad emodialisi cronica (105 presso il Centro di Rimini, 56 presso il Centro di Riccione, 44 presso il Centro di Santarcangelo) per un totale di 31.980 sedute emodialitiche l’anno. Nel 2011 ci sono stati 371 ricoveri (178 nel primo semestre 2012) e 126 day hospital e 892 visite in day service. E ancora 495 per pazienti ipertesi, 890 prestazioni per trapiantati (470 primo semestre 2012) e altre per un totale di 3.745 prestazioni nell’anno (1.780 primo semestre 2012). L’inaugurazione della nuova sala dialisi si inserisce proprio in questo contesto: migliorare le condizioni di gestione clinica, di sicurezza e di comfort dei pazienti dializzati, per consentire loro la miglior qualità di vita possibile e garantire una maggior disponibilità di posti dialisi per il prossimo futuro. La nuova sala è stata ristrutturata nei locali del ex day-hospital dell’oncologia, nelle adiacenze e comunicante con gli spazi del vecchio Centro dialisi; prevede la possibilità di dializzare contemporaneamente 12 pazienti per turno (con una potenzialità complessiva quindi di 48 pazienti) e saranno disponibili 2 posti dialisi separati da utilizzare per i pazienti acuti. Contemporaneamente funzionerà la vecchia sala dialisi, che verrà leggermente ridimensionata come posti letto, e che permetterà di dializzare contemporaneamente altri 72 pazienti, consentendo una potenzialità complessiva di 120 posti.




Sciopero del trasporto pubblico locale

Martedì prossimo 2 ottobre 2012 a causa dell’adesione delle Segreterie provinciali (FILT-CGIL, FIT CISL, UILTRASPORTI e FAISA CISAL) allo sciopero nazionale, il trasporto pubblico locale non potrà essere assicurato.  Da Start Romagna precisano che saranno garantite  le seguenti fasce orarie: dalle 6.00 alle 9.00 e dalle 13.00 alle 16.00.

Saranno inoltre garantiti i servizi di trasporto scolastico (scuolabus), le ultime corse di rientro dei servizi extraurbani e le seguenti linee: Linea 166 Santarcangelo – Montebello (part. ore 20:02), Linea 170 Rimini – Montegrimano (part. ore 18:40), Linea 175 Morciano – Tavoleto (part. ore 18:10), Linea 180 Tavoleto – Morciano (part. ore 18:43), Linea 182 Morciano – Onferno (part. ore 18:10), Linea 182 Onferno – Morciano (part. ore 18:43)

Per maggiori informazioni sono a disposizione degli utenti i seguenti numeri di telefono: 0541.300870 – 0541.300841.